Il formato del curriculum vitae: esempi di CV pronti per te

I recruiter sono sempre di corsa e non hanno tempo di leggere il CV? Non far finire la tua candidatura nel dimenticatoio grazie al giusto formato per il tuo curriculum vitae!

Dario Cremonesi
Dario Cremonesi
Esperto di Carriere
Il formato del curriculum vitae: esempi di CV pronti per te

Hai ancora lo stesso curriculum vitae battuto a macchina nel 1995? E fammi indovinare… non ne hai mai cavato un ragno dal buco!

 

Rimani al passo con i tempi: i selezionatori sono arcistufi del solito barboso curriculum europeo in otto volumi e non si metteranno certo a spulciare il tuo rotolo di pergamena!

 

Per questo, è essenziale trovare il formato di curriculum vitae su misura per te!

 

Scorri verso il basso e vedrai:

 

  • Qual è il miglior formato per il tuo curriculum vitae.
  • Il formato di curriculum da utilizzare in base alla tua esperienza.
  • Impostare il formato del curriculum in maniera corretta per raggiungere il successo!

 

 

Il formato del curriculum vitae: esempio per ispirarti

 

Mario Fadda

Via Giannino 4, 40126, Bologna (BO)

+39 444 55 44 555

mario.fadda@mail.it

linkedin.com/in/mario-fadda

 

Attento responsabile del controllo qualità da 5 anni per importanti aziende alimentari del centro Italia, mi occupo delle analisi chimiche e microbiologiche per assicurare che i processi di lavorazione siano eseguiti con la massima correttezza. Grazie a una serie di controlli stringenti abbiamo ridotto del 98% gli scarti, ottimizzando i processi di produzione con un risparmio netto di 25.000 euro a trimestre.

 

Esperienze professionali

 

Responsabile controllo qualità

Food&Co S.p.A., Bologna

Marzo 2018-oggi

  • Riduzione dei costi qualità di 25.000 euro in tre mesi, grazie a una revisione dei processi di produzione.
  • +15 Audit annuali con l’implementazione di controlli stringenti sul personale, i macchinari e la qualità delle materie prime alimentari.
  • Campionamento delle materie prime con la riduzione delle materie di scarto del 98%, diminuendo gli sprechi di prodotto finito.
  • Valutazione dei processi metabolici dei prodotti di origine vegetale e animale per i processi di conservazione.
  • Costruzione di 10 dossier specifici e manuali per aumentare la sicurezza igienico sanitaria di ciascun reparto.

 

Responsabile controllo qualità

FrostFood S.R.L., Bologna

Gennaio 2017-Marzo 2018

  • Analisi microbiologiche sui campioni di materie prime di 12 diversi fornitori, con l’aumento della qualità del prodotto finale del 126%.
  • Gestione dei corsi obbligatori per i dipendenti per aumentare la consapevolezza e il rispetto delle norme igieniche sul posto di lavoro.
  • Organizzazione di 8 audit interni con la riduzione delle inosservanze in azienda del 85%.
  • Sviluppo di una manuale HACCP per la sicurezza e predisposizione dei protocolli di scadenza e conservazione dei cibi.

 

Educazione

 

Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari

Università di Bologna

Ottobre 2014-Novembre 2016

Valutazione finale: 108/110

 

Competenze

 

  • Controllo di qualità
  • Stesura manuali e report
  • Adempimenti sanitari
  • Conoscenza della normativa
  • Analisi chimiche e microbiologiche
  • Monitoraggio dei processi produttivi
  • Audit interni
  • Project Management
  • Utilizzo software AstraVision

 

Certificazioni

 

  • Attestato “Qualità dei latticini e benessere degli animali”, Rilasciato dal Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna, 2021.
  • Progettista Food Safety System e ISO22000 (150 ore), Scuola di Management Agroalimentare, Bologna, 2020.
  • Corso di Auditor in Supply Chain System (20 ore), Scuola di Management Agroalimentare, Bologna, 2019.

 

Lingue

 

  • Italiano madrelingua
  • Inglese B2

 

Andiamo ora a vedere come formattare un CV come questo!

 

1. Come impostare il formato del tuo curriculum vitae

 

Da una recente ricerca di Lever è emerso che ci vogliono circa 100 candidati prima di assegnare una posizione lavorativa.

 

Questo significa 100 curriculum da visionare per il povero HR: pensi davvero che si metta a leggerli tutti per filo e per segno?

 

Detto in altre parole, se il tuo curriculum non è in grado di agganciare il selezionatore fin dal primo istante, corri seriamente il rischio di finire tra i 99 le faremo sapere anche se hai molta esperienza professionale.

 

Ecco perché il formato del curriculum è così importante. Ed ecco qualche regoletta utile per il formato del tuo curriculum vitae in Word:

 

  • Imposta i margini della pagina a 2,5 cm per lato.
  • Scegli un’interlinea 1,15.
  • Allinea il testo a sinistra.
  • Usa con cautela grassetti e corsivi, ma evita del tutto le sottolineature.
  • Lascia spazi bianchi tra le diverse sezioni.

 

Andiamo ora a vedere qualche elemento che può fare davvero la differenza nella formattazione del tuo CV.

Suggerimento bonus: la formattazione del tuo CV non è solo una questione di stile; il tuo curriculum deve essere anche in grado di passare la selezione dei software ATS, sistemi di intelligenza artificiale in grado di valutare i contenuti della tua presentazione.

1. Font per il curriculum vitae

 

La leggibilità è un elemento cruciale nella stesura di un curriculum vitae, per questo non puoi fare a meno di un carattere chiaro che non richieda particolari sforzi di lettura. 

 

Evita corsivi e arzigogoli vari; per il tuo CV puoi invece optare per i caratteri sans serif:

 

  • Helvetica
  • Arial
  • Verdana
  • Futura
  • Optima
  • Tahoma
  • Calibri

 

Mantieni una dimensione di 11-12 punti, per agevolare la lettura ai selezionatori.

 

2. Colori per il curriculum

 

Negli anni ‘90 diversi candidati cercavano di attirare l’attenzione dei selezionatori utilizzando la carta colorata per il proprio curriculum. Purtroppo però, secondo uno studio condotto da Penrose, gli HR guardano con diffidenza questa soluzione.

 

E sarà pure che il cremisi non si abbina al colore della giacca del tuo selezionatore, ma fatto sta che, a meno che tu non abbia bisogno di un curriculum creativo o ti stia candidando nel ramo artistico, la scelta migliore è rimanere sul classico: lettere nere su sfondo bianco.

 

Un pizzico di colore (al singolare) può comunque essere un elemento significativo per distinguere le diverse sezioni del tuo CV o separare le colonne nei template più innovativi, ma in ogni caso è sempre meglio evitare i colori sgargianti.

 

3. Foto per il curriculum vitae

 

Elemento controverso all’estero, sebbene non obbligatoria la foto è ormai prassi nella stragrande maggioranza dei curriculum italiani.

 

E in effetti la foto porta alcuni benefici: primo fra tutti, permette al selezionatore di fissare il candidato nella mente del selezionatore, collegando il racconto sul CV a un’immagine concreta.

 

D’altra parte però, una foto potrebbe dare adito a bias cognitivi e portare a discriminazioni.

 

Se decidi di inserire la tua foto nel CV:

 

  • Scegli una foto professionale.
  • Niente selfie né ritagli di altre foto.
  • Sfondo neutro e illuminazione naturale.
  • Primo piano frontale, guardando in camera.
  • Niente cappelli, occhiali da sole o qualunque altra cosa che copra il volto.
  • Non esagerare con l’editing.

Suggerimento bonus: anche se è possibile inviare un curriculum in DOC e DOCX, il miglior formato per il tuo curriculum vitae rimane il PDF, dato che ti permette di mantenere invariata qualunque formattazione indipendentemente dal sistema operativo dell’HR.

  

2. La struttura dei diversi formati di curriculum vitae

 

Vorresti un curriculum in grado di catturare l’attenzione, ma allo stesso tempo hai bisogno di qualcosa di non troppo estroso per apparire troppo eccentrico.

 

E tramontata l’idea del video curriculum alla Barney Stinson, in base alle tue esigenze, non ti rimarrà che scegliere tra due formati di CV:

 

  • Il curriculum vitae a ordine cronologico inverso
  • Il curriculum vitae funzionale

 

Scegliere il tipo di curriculum corretto a seconda delle tue abilità e esperienze è fondamentale per far rendere al massimo la tua candidatura e aumentare le tue possibilità di ottenere un colloquio di lavoro.

 

Il formato del curriculum a ordine cronologico inverso

 

Si tratta del formato più comune, scelto dalla maggioranza dei candidati, ed è anche quello che i selezionatori approcciano con maggiore facilità.

 

Se lo aspettano, sono abituati a riceverlo e sanno già cosa salt… dove andare a parare!

 

Questo tipo di CV si articola in sezioni ben distinte:

 

  1. Informazioni personali
  2. Profilo
  3. Esperienza lavorativa
  4. Educazione
  5. Competenze professionali
  6. Sezione addizionale (Corsi, conferenze, pubblicazioni, hobby, volontariato)

 

Extra: nel piè di pagina ricordati di aggiungere una liberatoria per l’utilizzo dei dati personali presenti sul tuo CV.

 

In ciascuna sezione, la logica è di raccontare le proprie esperienze partendo dalle più recenti e tralasciando quanto non è inerente all’offerta di lavoro.

 

Inoltre, quello che davvero conta in questa tipologia di curriculum sono i risultati: elenchi puntati, numeri e percentuali sono perfetti per agevolare lo scanner ottico incorporato dei selezionatori.

 

Andiamo a toccare con mano come funziona il CV più amato dai recruiter italiani:

 

Esempio di curriculum a ordine cronologico inverso

 

Michela Rullo

Via Del Ponte 21, 36100, Vicenza (VI)

+39 666 55 66 333

michela.rullo@mail.it

 

Affabile commessa di abbigliamento con 5 anni di esperienza nel campo, sono sempre solare e tengo molto alla soddisfazione dei nostri clienti. Nel corso del tempo ho maturato un’esperienza significativa nel campo dell’abbigliamento sportivo, affinando le mie tecniche di vendita e ricevendo il premio di miglior venditrice per i mesi di giugno e luglio del 2021. Desidero offrire le mie competenze a SportBag S.R.L.

 

Esperienze lavorative

 

Commessa

SportLab Store, Vicenza

Marzo 2019-oggi

  • Superamento di tutti gli obiettivi di KPI per il 2019 e il 2020, con un aumento delle vendite in store del 10%.
  • Riduzione delle controversie con i clienti del 20%, grazie a strategie comunicative assertive.
  • Aumento del valore dello scontrino medio di 12.50 euro in due mesi.
  • Riduzione dell’invenduto di magazzino del 30% grazie all’attuazione di promozioni ad hoc.
  • Inserimento di 4 nuovi membri giovani del team e formazione su vendita e primo contatto con il cliente.

 

Commessa

Shoes&Co, Vicenza

Febbraio 2018-Marzo 2019

  • Controllo degli stock di magazzino, catalogazione e gestione dell’invenduto.
  • Incremento delle vendite di pelletteria e accessori dell’8% in 3 mesi.
  • Sottoscrizione di +35 family card grazie a un rapporto solare e onesto con il cliente.
  • Pulizia, ordine e riorganizzazione dello store durante i saldi e le svendite di fine stagione.

 

Educazione

 

Diploma di Liceo Linguistico

Istituto Magistrale Marielli, Vicenza

2013-2018

 

Competenze

 

  • Ascolto attivo
  • Persuasione
  • Gestione dei clienti
  • Tecniche di vendita
  • Pulizia e ordine
  • Lavoro sotto stress
  • Visual merchandising

 

Certificazioni

 

  • Corso di Gestione del clienti difficile (6 ore), SportLab Store, Vicenza, 2021.
  • Attestato di partecipazione A colloquio con i colleghi (8 ore), SportLab Store, Vicenza, 2020.

 

Lingue

 

  • Italiano madrelingua
  • Inglese C1
  • Francese B2

 

Il formato del curriculum funzionale

 

Meno usato del curriculum a ordine cronologico inverso, il curriculum funzionale è utile a freelance, lavoratori autonomi, profili di alto livello, oltre che a candidati che hanno avuto buchi di carriera o che hanno cambiato numerosi settori lavorativi.

 

Questo tipo di curriculum è molto flessibile e ruota intorno alle tue competenze, dando meno rilievo alla tua precedente esperienza professionale.

 

Anche in questo caso, puoi dividere il curriculum in sezioni distinte:

 

  1. Informazioni personali
  2. Profilo
  3. Competenze professionali
  4. Esperienze professionali (opzionale)
  5. Istruzione (opzionale)

 

Ed ecco un esempio per il tuo curriculum funzionale:

 

Esempio di curriculum funzionale

 

Martino Faffo

Via Ravello 7, 00134, Roma (RM)

+39 777 88 99 666

martino.faffo@mail.it

linkedin/in/martino-faffo

 

Creativo organizzatore d’eventi, ho maturato numerose esperienze in cerimonie, convegni, concerti, festival e cerimonie, con l’obiettivo di far vivere la miglior esperienza possibile al cliente e lasciare un ricordo indimenticabile. Sempre alla ricerca dell’unicità, amo curare personalmente ogni dettaglio: le scenografie, le luci, gli arredi e tutto quanto è necessario a trasmettere un emozione nuova e sincera ai presenti.

 

Competenze professionali

 

  • Direzione generale e budgeting
    Organizzazione degli eventi in maniera capillare, con l’ottimizzazione dei budget e dei costi di gestione nei tempi corretti. Organizzazione di staff fino a 150 unità.

 

  • Problem solving
    Gestione tempestiva degli imprevisti, relazioni con i clienti scontenti e crisis management per assicurare il corretto funzionamento dell’evento.

 

  • Creatività
    Sono sempre alla ricerca dell’innovazione e dell’unicità, per costruire un brand solido ed esclusivo. Cura del dettaglio, accostamento dei colori, decorazioni floreali, abiti e location.

 

  • Fotografia e grafica
    Utilizzo dei principali programmi di grafica come Photoshop Adobe Illustrator; creazione di brochure, locandine e layout per qualsiasi tipo di evento. Servizi fotografici per ogni genere di evento.

 

  • Social media management
    Campagne pubblicitarie social e costruzione del brand via Facebook, Twitter, Instagram e LinkedIn.

 

Esperienze professionali

 

Festival

Lago in Festa, Como

Marzo 2021

 

Concerto

Colosseo by Night, Roma

Dicembre 2020

 

Evento musicale

Classica, Arena di Verona

Settembre 2020

 

Festival

Festival della noce, Piazza Duomo, Milano

Giugno 2020

 

Istruzione e formazione

 

Laurea triennale in Design

Istituto Europeo di Design IED, Milano

2012-2015

 

Seppur interessante dal punto di vista delle competenze, questo tipo di curriculum non rientra nei canoni della maggior parte dei selezionatori, che preferiscono avere una visione chiara di quello che hai combinato nel corso degli anni.

 

Cosa hai fatto? Come? Con quali risultati? Per il selezionatore non c’è altro da sapere. Senza contare che il tuo essere un po’ troppo evasivo sul tuo passato professionale rischia di suonare come una confessione della tua mancanza di esperienza.

Suggerimento dell’esperto: il curriculum funzionale è indicato per chi ha delle competenze estremamente specifiche, ma nella stragrande maggioranza dei casi è meglio se ti attieni al modello di curriculum tradizionale e fornisci risultati e prove tangibili delle tue esperienze pregresse.

3. Come scegliere il miglior formato di curriculum vitae: pro e contro

 

Anche se la scelta più semplice ed efficace risiede nella stragrande maggioranza dei casi nel curriculum a ordine cronologico inverso, ecco uno schema che ti aiuterà a prendere le decisioni migliori in base alle tue specifiche competenze ed esperienze professionali:

 

Tipo di curriculum

CV a ordine cronologico inverso

CV funzionale

Sezione più importante

Esperienza lavorativa

Competenze professionali

Chi lo può usare

Candidati di ogni genere

Candidati per lavori creativi, liberi professionisti, candidati estremamente specializzati

Chi non lo deve usare

Professionisti con buchi di carriera o che stanno cambiando campo professionale

Tutti gli altri candidati

Vantaggi

Facile da leggere, conosciuto dai recruiter, riporta risultati concreti

Nasconde i buchi di carriera all’interno di un curriculum

Svantaggi

Molto comune, difficile colpire

Non piace molto ai recruiter, non offre dati concreti

 

Ora non hai più scuse e sei pronto ad affrontare qualsiasi HR con il miglior formato di curriculum vitae!

 

 

Punti chiave

 

Andiamo a rivedere in breve i punti essenziali di questa guida:

 

  • Cura l’impaginazione del tuo curriculum e scegli il carattere adeguato per aumentare il più possibile la leggibilità.
  • Dividi il tuo curriculum vitae in sezioni distinte, scegliendo il formato del tuo curriculum in base alle tue necessità.
  • Il curriculum a ordine cronologico inverso è consigliabile per la stragrande maggioranza dei candidati, ma se hai molti buchi di carriera o sei un professionista di alto livello puoi pensare di affidarti al CV funzionale.

 

Hai già scelto il tipo di curriculum che fa per te o sei ancora indeciso su quale modello utilizzare? Hai qualche dubbio o vorresti approfondire? Lascia un commento nella sezione qui sotto per dissipare tutti i tuoi dubbi! Grazie per aver dedicato il tuo tempo alla lettura di questa guida! A presto!

Valuta il mio articolo!: formato
Grazie per aver votato!
Media: 5 (2 voti)
Dario Cremonesi
Dario Cremonesi
Un ex HR business partner con centinaia di talenti IT in tutta Italia che scrive consigli per curriculum e lettere di presentazione per ResumeLab Italia per condividere consigli e la passione per il recruiting.

Era interessante? Ecco articoli simili